Quando perdita di peso e perdita di massa grassa non sono un fattore positivo

March 7, 2017

 

CASO DI STUDIO

Questa è l’esperienza riportata con Claudio, 64 anni, borderline per sindrome metabolica.

Sedentario da anni si presenta per una consulenza relativa ad un programma di dimagrimento che potesse tenere sotto controllo non soltanto l’evidente sovrappeso, ma anche il diabete di tipo secondario e l’ipertensione che da poco lo avevano costretto ad iniziare una terapia con farmaci ipertensivi. 

 

QUADRO DI PARTENZA

 Tab.1 Il soggetto presenta un evidente sovrappeso con una distribuzione di tipo androide, su questi particolari soggetti le tecniche plicometriche posso generare dei dati non veritieri dovuti dalla difficoltà della rilevazione delle pliche iliache ed addominali.

 

Tutti i valori della tabella sono stati rivelati mediante tecniche antropo-plicometriche mediante le formule di Jakson-Pollock per la valutazione della massa grassa. Il soggetto, con una tipica distribuzione androide, ha presentato delle difficoltà nella rilevazione della plica addominale, possiamo ritenere pertanto la misurazione della % di grasso in difetto  rispetto a quella reale. L’elevata circonferenza addominale ci ha indicato come questo soggetto fosse in una elevata categoria di rischio di accidente cardiovascolare.

Dall’altro lato, i dati della bioimpedenza:

 Fig. 1  Rispetto all'analisi  plicometrica, la bioimpedenza ci consente di valutare massa ossidante BCM che in questo soggetto  è comunque elevata, lo stato di idratazione che in questo diagramma mostra una quantità di acqua totale TBW superiore alla norma. L'ultimo fondamentale parametro è il Biagram (in basso a sinistra) che mostra il rapporto fra massa cellulare/extracellulare, in questo caso adeguato.

 

La bioimpedenza mostra il classico quadro del soggetto obeso in ritenzione idrica e con buona massa cellulare, come previsto, l’equilibrio fra massa intracellulare ed extracellulare è adeguato e questo è un ottimo indicatore per poter programmare le seguenti settimane di allenamento.

Nei mesi seguenti per tre volte a settimana si è proseguiti ad una programmazione dell’allenamento che contemplasse sia i lavori con sovraccarico che allenamento aerobico, imprescindibile per questa tipologia di soggetto.

Per una maggiore sicurezza e tutela dell’apparato cardiovascolare sia l’allenamento con sovraccarichi che quello aerobico è stato monitorizzato con il cardiofrequenzimetro in modo da mantenere delle soglie di frequenza cardiaca adeguate allo stato di efficienza fisica.

La parte alimentare è stata affidata alla famiglia  che doveva controllare che non ci fossero discrepanza fra l’alimentazione consigliata dal medico e quella eseguita a casa.

 

CONTROLLO A 4 MESI

Tab. 2  L'analisi bicompartimentale evidenzia al secondo controllo un miglioramento di tutti i parametri, mentre nel terzo risulta esserci una forte diminuzione della massa muscolare (campanello di allarme)

 

 Fig. 2  Confrontando i parametri sopra espressi con un istogramma si nota subito come parte del peso corporeo perso sia dovuto anche ad una diminuzione della massa muscolare. Questo fattore potrebbe anche essere trascurabile a patto che i valori bioelettrici siano adeguati.

 

12,4 Kg di peso persi, di cui però non tutti erano di grasso. Nel controllo intermedio il dato confortante è stato quello relativo all’aumento della massa muscolare, ma nel terzo controllo la repentina discesa anche di quel parametro ha generato un campanello di allarme. Nonostante la felicità del risultato raggiunto e per la prima volta dopo molti anni il ritorno del peso sotto i cento chilogrammi, l’attenzione si è spostata subito verso il parametro della massa magra.

L’analisi bioimpedenziometrica conferma i sospetti e si presenta un quadro ancora più allarmante:

 

Fig. 3 Come previsto i valori della BIA rilevati sono non buoni, il soggetto si presenta con aumentata ritenzione, ridotta BCM (questo dato conforta quello rilevato con le tecniche bicompartimentali), ma soprattutto presenta il Biagram decisamente peggiorato, la massa extracellulare è predominante sull'intracellulare  e questo è dovuto all'inizio di una condizione cattolica.

 

Diminuzione importante della BCM (massa cellulare) di poco meno di 10Kg, un aumento dell’acqua di ritenzione di circa 4Kg, e soprattutto uno squilibrio fra le masse Intracellulari ed extracellulari, segno di un’alterata integrità di membrana cellulare e quindi di un quadro di catabolismo diffuso.

La soluzione del problema è stata piuttosto obbligata, restando come punto fermo l’allenamento che veniva monitorato costantemente e non presentava particolari difficoltà, lo stile di vita che negli ultimi 4 mesi non era cambiato particolarmente; la scelta è stata quella di aumentare l’introito calorico.

Un regime alimentare troppo restrittivo porta nel tempo ad un quadro di catabolismo cronico che nel tempo tenderà non soltanto a bloccare il processo di dimagrimento ma soprattutto genererà uno scompenso relativo all’integrità delle membrane cellulari con conseguente diminuzione della massa ossidante, incremento della ritenzione idrica e peggioramento del quadro clinico relativo al controllo pressorio.

 

CONCLUSIONI

Questo caso di studio mostra come il processo di dimagrimento e riduzione del peso anche quando funziona correttamente, deve essere monitorato continuativamente. Dietro ad un successo non sempre si cela un reale vantaggio per il nostro cliente, lo scopo di ogni professionista dell’esercizio dovrebbe essere in primis la tutela della salute del proprio cliente. La fretta nel raggiungere l’obbiettivo se non ben ponderata, non è mai la soluzione ideale.
Queste considerazioni valgono soprattutto per un soggetto di questo tipo, borderline con la sindrome metabolica, ma sono estensibili anche al dimagrimento di tipo estetico. Il controllo della composizione corporea è argomento complesso e per avere un quadro completo occorre disporre di quante più metodiche e tecnologie possibili.

 

Per maggiori approfondimenti clicca qui Dimagrimento e Forma Fisica

                                                                              Dimagrimento e Salute 

                                                                              Composizione Corporea

 

BIBLIOGRAFIA

  1. Adami G.F., Balbi P., Gandolfo P., Ceci M., Marinari G. (Istituto Patologia . Chirurgica-Univ. Genova) “ Determinazione della composizione corporea con analisi dell'impedenza bioelettrica. Dati di riferimento". Rivista Italiana Nutrizione Parenterale ed En. Vol. 8 N.l pp. 15/20

  2. AKERN BIORESEARCH: corso: BIA & sport. "La composizione corporea con l'analisi BIA".

  3. AKERN: “Relazione sulle metodiche bioimpedenziometriche: analisi bioelettrica".

  4. Bartok C., Schoeller D.A., Randall Clark R., Sullivan J.C., Landry G.L.: “ The effect of dehydration on wrestling minimum weight assessment". Med Sci Sports Exerc. 2004 Jan;36(1):160-7.

  5. Bartok C., Schoeller D.A., Sullivan J.C., Clark R.R., Landry G.L.: “ Hydration testing in collegiate wrestlers undergoing hypertonic dehydration". Med Sci Sports Exerc. 2004 Mar;36(3):510-7.

  6. Clark R.R., Bartok C., Sullivan J.C., Schoeller D.A.: “ Is leg-to-leg BIA valid for predicting minimum weight in wrestlers?" Med Sci Sporte Exerc. 2005 Jun;37(6): 1061-8

  7. Clementi A., Marcelli M., Tubili C., Del Toma E. (Diet e diabetologia-Osp. Forlanini e Ist. Scienza alimentazione-Osp. S. Spirito-Roma): " Bioimpedenza ed antropometria nella valutazione della composizione corporea: confronto in condizione di equilibrio ponderale e durante dieta ipocalorica".

  8. Collodel L., Fauretto G., Teodori T., Piccoli A.: “ L'analisi della bioimpedenza nel monitoraggio della dinamica dei fluidi durante esercizio aerobico massimale”. Medicina dello Sport 1997;N.50:pp197-202.

  9. Deurenberg P., Tagliabue A. Schouten F.J.: “Multy-frequency impedance for the prediction of extracellular water and total body water". British Journal of Nutrition 73:349-358, 1995.

  10. Edefonti A., Loi S., Ardissino G., Dagnino L., Ghio L., Damiani B., Sandoval Diaz M.: “ Use of BIA to modify dry weight in patients on chronic hemodialysis (HD)". J Amer Soc Nephrol 9:274A, 1998.

  11. Fellmann N, Ritz P, Ribeyre J, Beaufrere B, Delaitre M, Coudert J. "Intracellular hyperhydration induced by a 7-day endurance race". Eur J Appi Physiol Occup Physiol. 1999 Sep;80(4):353-9.

  12. Fosteer K.F., Lukaski H.c:: “ Whole-body impedance – what does it measure? Am J Clin Nutr 64:388S-396S,1996.

  13. Huygens W., Claessens A.L., Thomis M., Loos R., Van Langendonck L., Peeters M., Philippaerte R., Meynaerte E., Vlietinck R., Beunen G.: "Body composition estimations by BIA versus anthropometric equations in body builders and other power athletes". J Sporte Med Phys Fitness. 2002 Mar;42(1):45-55.

  14. Kushner R.F., Shoeller D.A.: “ Estimation of total body water by bioelectrical impedance analysis". Am J Clin Butr 44:417-424,1986.

  15. Kushner R.F.: "Bioelectrical impedance analysis: a review of principles and application" J m Clinl Nutr 11:199-209,1992.

  16. Lukaksi H.C., Bolonchuck W.W.: “ Estimation of body fluid volumes using tetrapolar bioelectrical impedance measurements". Aviat Space Environ Med 59:1163-1169,1988.

  17. Lukaksi H.C.: “ A new approach to estimate changes in total body water by bioelectrical impedance analysis". Nutrition 13:474-475,1997.

  18. Lukaski H.C., Bolonchuk W.W., Siders W.A., Hall CB.: “ Body composition assessment of athletes using bioelectrical impedance measurements". J Sports Med Phys Fitness. 1990Dec;30(4):434-40.

  19. O'Brien C., Young A., Sawka M.N.: “ Bioelectrical impedance to estimate changes in hydration status". Int J Sports Med. 2002 Jul;23(5):361-6.

  20. Oppliger R.A., Nielsen D.H., Vance C.G.: “ Wrestlers’ minimal weight: anthropometry, bioimpedance, and hydrostatic weighing compared". Med Sci Sports Exerc. 1991 Feb;23(2):247-53.

  21. Piccoli A., Pillon L, Favaro E.:  “Asymmetry of the total body water prediction bias using the impedance index”. Nutrition 13:438-441,1997

  22. Piccoli A., Pillon L., Pisanello L., Zacchello G.: “ Electrical maturation trayectory of human tissues identified by bioimpedance vector analysis”. Nutrition 15:77-78,1999.

  23. Schwingshandl J, Sudi K, Eibl B., Wallner S., Borkenstein M.:" Effect of an individualise training   programm during weight reduction on body composition a randomized trial". Arch Dis Child 1999;81:426-428.

  24. Segal K.R., Van Loan M., Fitzgerald P., Hodgdon J.A., Van Itallie T.B.: " Lean body mass estimation by bioelectrical impedance analysis: a four site cross-validation study". American Journ. Clin. Nutrition 1988;47:7-14.

  25. Segal K.R.: " Use of bioelectrical impedance analysis measurements as an evaluation for participating in sports". Am J din Nutr. 1996 Sep;64(3 Suppl):469S-471S.

  26. Sergi G., Bussolotto M., PieriniP., Calliari L, Giantin V., Ceccon A., Scanferla F., Bressan M., Meschini G., Enzi.: “ Accurancy of bioelectrical impedance analysis in estimation of extracellular space in healthy subjects and in fluid retention states". Ann. Nutr. Metab. 1994;38:158-165.

  27. Talluri T. et al.: " Qualitative human body composition analysis assessed with bioelectrical impedance". Journal of Collegium Antropoligicum. 12/12/1998.

  28. Talluri T., Evangelisti A., Liedtke R.J.: " Intra/extra cellular fat free mass spaces defined by bioelectrical reactance and phase angle". IX International Conference on Electrical Bio-Impedance; Heidelberg - Germany,September 1995.

  29. Talluri T.: " La valutazone della massa muscolare con la bioimpedenza". IV corso di aggiornamento Medicina dello Sport, 4 ottobre 1999 cinquale.