top of page
  • ISEC Team

Linee guida per l'attività fisica durante la gravidanza: differenze fra vari nazioni da tutto il mondo - seconda parte

Traduzione dalla ricerca originale: Published in final edited form as:

Am J Lifestyle Med . 2014 ; 8(2): 102–121. doi:10.1177/1559827613498204.

Titolo originale: Guidelines for Physical Activity during Pregnancy: Comparisons

From Around the World


Attività da svolgere durante la gravidanza

La maggior parte delle linee guida raccomandano attività da svolgere durante la gravidanza (Tabella 4). Le linee guida francesi e spagnole indicavano anche la durata o il tempo totale e tutte tranne quella australiana e le linee guida francesi indicavano la frequenza dell'attività fisica. Per la maggior parte delle linee guida, l'intensità è stata indicata come moderata o vigorosa, oppure in termini assoluti (ad esempio, frequenza cardiaca) o relativi (ad esempio, valutazione dello sforzo percepito).

Tipo: tutte le linee guida, tranne quelle francesi, specificano le attività aerobiche come modalità di riferimento.

Linee guida anche da Australia, Canada, Danimarca, Norvegia e Regno Unito consigliano anche esercizi di rafforzamento. Altre attività specifiche che sono state raccomandate sono

riassunte nella tabella 4. Solo la Spagna ha fornito un elenco di attività da svolgere con cautela.

Frequenza e durata: la maggior parte delle linee guida (ad eccezione di quelle francesi)

includono informazioni sulla frequenza e/o sulla durata dell'esercizio. Nello specifico, il Canada e Il Regno Unito ha indicato un minimo di sessioni di 15 minuti per 3 volte a settimana, progredendo a 30 minuti, 4 volte a settimana anche se l'intensità era ridotta. La Danimarca consiglia almeno 30 minuti di attività di intensità moderata al giorno. Il Giappone

esercizio aerobico fino a 60 minuti, da 2 a 3 volte a settimana. La Norvegia ne ha raccomandati 30 minuti al giorno di attività aerobica. La Spagna raccomanda una frequenza di 3 volte a settimana senza durata specificata. L'ACOG statunitense consiglia un volume di 30 minuti o più di esercizio fisico moderato nella maggior parte se non tutti i giorni della settimana. Lo ha indicato l’USDHHS, “donne sane che non sono già molto attive o che svolgono attività ad intensità vigorosa dovrebbero fare almeno 150 minuti di attività aerobica di moderata intensità  a settimana durante la gravidanza e il periodo postpartum. Preferibilmente questa attività dovrebbero essere distribuite durante la settimana”.

Intensità: per l'intensità assoluta, le indicazioni sulla frequenza cardiaca sono state fornite da Canada, Giappone, Spagna e Regno Unito. Specificate le linee guida del Canada e del Regno Unito le frequenze cardiache che tengono conto dell'età; tuttavia, Giappone e Spagna raccomandavano frequenze cardiache inferiori a rispettivamente 150 e 140 battiti al minuto. La linea guida canadesi consigliavano di lavorare con gli arti inferiori monitorando la frequenza cardiaca se si inizia un nuovo programma di esercizi o alla fine della gravidanza.

Le zone di frequenza cardiaca target fornite dal Canada rappresentavano dal 60% all'80% della massima capacità aerobica. Le linee guida del Regno Unito sostenevano un “intervallo superiore compreso tra il 60% e il 90% della frequenza cardiaca massima per le donne che desiderano mantenersi in forma durante la gravidanza”, e dal 60% al 70% della frequenza cardiaca massima per le donne sedentarie prima della gravidanza.

Le linee guida norvegesi raccomandano che l’intensità dell’esercizio aerobico non superi il 70%-75% del consumo massimo di ossigeno, consigliando invece l'uso di un test di conversazione (talk test) o la scala di valutazione dello sforzo percepito secondo i Borg. Canada e Stati Uniti e Regno Unito hanno menzionato anche l'utilità del “talk test”. La guida più bassa sull'intensità proveniva dalla Spagna, che raccomandava di non superare il 50% del consumo massimo di ossigeno.

Per l’intensità relativa, Canada, Norvegia e Regno Unito hanno raccomandato la percezione

sforzo da 12 a 14, appena sopra o sotto "un po' duro", che generalmente coincideva con

intensità moderata. Il Giappone raccomanda uno sforzo percepito inferiore a 13 (un po’ faticoso) o 14, e per l'esercizio continuo essere inferiore a 11 (abbastanza leggero) o 12.

 


Tabella 4 - parte 1


Le linee guida francesi raccomandano di iniziare o continuare un'attività sportiva moderatamente intensa e che l'attività fisica durante la gravidanza è possibile. Lo indicano le linee guida USDHHS “donne incinte che abitualmente svolgono attività aerobica ad intensità vigorosa o che sono altamente attive possono continuare l'attività fisica durante la gravidanza e il periodo postpartum, purché rimangano in salute  e discutano con il proprio medico come e quando svolgere l'attività.

Le linee guida australiane consigliano: per la salute le donne non molto attive o impegnate in attività vigorose, l'intensità consigliata è quella moderata.

L’ACOG statunitense ha affermato che le donne incinte dovrebbero impegnarsi in attività regolari e attività fisica di moderata intensità in assenza di controindicazioni.

Avviare un nuovo programma di esercizi: incluse tutte le linee guida ACOG statunitensi.

Le linee guida australiane suggerivano che le donne potessero iniziare un programma di esercizi da leggero a moderato in consultazione con il proprio medico e le linee guida canadesi consigliano senza complicazioni in  gravidanza che  “le donne con o senza uno stile di vita precedentemente sedentario dovrebbero essere incoraggiate partecipare ad esercizi aerobici e di rafforzamento muscolare come parte di uno stile di vita sano”.

Indicavano che ciò avveniva generalmente “nel secondo trimestre, quando la nausea,

vomito e profonda stanchezza del primo trimestre sono passati e prima

le limitazioni del terzo trimestre». In Giappone, la linea guida indicavano che se a

una donna incinta ha iniziato a praticare sport durante la gravidanza, dovrebbe iniziarlo dopo 12 settimane gestazione e confermare una gravidanza normale.

In Norvegia e nel Regno Unito, le donne si impegnano in nuovi programmi di esercizi durante


Tabella 4 - parte 2


la gravidanza si è incoraggiato  a iniziare gradualmente con sessioni più brevi di 15 minuti per 3 volte a settimana, quindi aumentare gradualmente fino a sessioni da 30 minuti 4 volte a settimana e eventualmente alle sessioni giornaliere. La Spagna raccomanda di iniziare l'esercizio solo lentamente per donne precedentemente sedentarie, ma non hanno fornito dettagli. Le linee guida ACOG statunitensi hanno indicato che le donne precedentemente inattive dovrebbero essere valutate prima dell’attività fisica, vengono formulate raccomandazioni e aumentare gradualmente la quantità di attività fisica nel tempo.

L'intensità dell'attività aerobica durante la gravidanza non è stata studiata attentamente, quindi non esiste base per raccomandare alle donne di iniziare un’attività ad intensità vigorosa durante gravidanza”.

Altre linee guida sugli esercizi: le linee guida suggerite da Canada, Norvegia e Spagna

riscaldamento e defaticamento rispettivamente prima e dopo l'esercizio. Australia, Canada,

Anche Norvegia e Spagna hanno menzionato l’idratazione durante l’attività fisica. Anche le linee guida della Norvegia suggeriscono di indossare abiti leggeri durante l'attività fisica. Le linee guida del Giappone descrivevano il tipo di ambiente ideale, come scegliere un luogo pianeggiante ed esercitarsi tra le 10:00 e le 14:00, supportato da studi che hanno riscontrato che le contrazioni uterine naturali sono più basse durante tale periodo

periodo temporale.

 

Segni e sintomi per interrompere l'esercizio

Sei linee guida includevano indicazioni per l'interruzione dell'esercizio fisico durante la gravidanza (Tabella 5), ​​mentre Danimarca, Francia e USDHHS no. Tutte e sei le linee guida indicavano la cessazione dell’esercizio fisico con vertigini o presincope, dispnea prima dello sforzo o sanguinamento vaginale. Cinque delle sei linee guida raccomandavano di interrompere l’attività fisica se vi erano indicazioni di dolore addominale o alla schiena,

perdita di liquido amniotico o eccessiva mancanza di respiro. I restanti segni o sintomi

nella Tabella 5 erano indicati solo in una, due, tre o quattro linee guida.

 


Tabella 5


Discussione

Le prime raccomandazioni formali per l'attività fisica durante la gravidanza possono essere

documentato dal XVIII secolo, che rifletteva in gran parte le norme culturali e sociali dei

tempi, più che la valutazione scientifica. I primi studi sulla fisica materna l'attività e gli esiti delle nascite furono condotti tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.

In corrispondenza con lo sviluppo della scienza, raccomandazioni sull'attività fisica durante

gravidanza continuano a essere creati e aggiornati per fornire indicazioni agli operatori sanitari.

In questa revisione, abbiamo identificato, riassunto e confrontato 11 linee guida cliniche o di salute pubblica per l’attività fisica durante la gravidanza da tutto il mondo.

In generale, abbiamo riscontrato che il contenuto delle linee guida variava a seconda della data di pubblicazione e pubblico target (ad esempio, medici vs professionisti della sanità pubblica). C'erano anche punti in comune. Ad esempio, quasi tutte le linee guida supportano l’intensità moderata durante la gravidanza (la Spagna lo ha suggerito attraverso raccomandazioni sulla frequenza cardiaca ma non attraverso il consumo di ossigeno). La maggior parte delle linee guida suggeriscono anche che le donne dovrebbero cercare

consigli dal proprio medico prima di iniziare o continuare un programma di esercizi. Tutti

esclusi gli sport che comportano rischi di cadute, traumi o collisioni durante la gravidanza. Le

altre sei linee guida focalizzate sul piano clinico includevano controindicazioni all'esercizio fisico, compresi i segni e sintomi che dovrebbero indicare l'interruzione. In termini di prescrizione di esercizi, la maggior parte delle linee guida includevano tipo, frequenza e durata o tempo specifici per l'attività fisica o esercizio fisico durante la gravidanza.

Solo le linee guida di Canada, Danimarca e USDHHS hanno fornito raccomandazioni in merito attività fisica ad intensità vigorosa. Ciò riflette la mancanza di prove accumulate

studi ben progettati sull'attività intensa e sugli esiti della gravidanza. Ad oggi, la maggior parte degli studi sull'attività fisica ad intensità elevata durante la gravidanza sono basate su dati di laboratorio o osservazionale, spesso con potere statistico insufficiente per individuare risultati statisticamente rilevanti. Inoltre, potrebbe essere dovuta alla mancanza di raccomandazioni su un'attività vigorosa ediscrepanze nella definizione di questo livello di intensità. Evenson et al.


16 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page