top of page
  • ISEC Team

Linee guida per l'attività fisica durante la gravidanza: differenze fra vari nazioni da tutto il mondo - prima parte

Aggiornamento: 2 lug

Traduzione dalla ricerca originale: Published in final edited form as:

Am J Lifestyle Med . 2014 ; 8(2): 102–121. doi:10.1177/1559827613498204.

Titolo originale: Guidelines for Physical Activity during Pregnancy: Comparisons

From Around the World


Introduzione

I benefici per la salute derivanti dall'attività fisica durante la gravidanza includono la riduzione del rischio di eccessivo aumento di peso gestazionale e condizioni come diabete gestazionale, pre eclampsia, parto pretermine, vene varicose e trombosi venosa profonda. Ci sono evidenze che l’attività fisica  durante la gravidanza è associata ad una ridotta durata del travaglio e complicazioni del parto. Tuttavia, un'intensa attività fisica è associata a una riduzione del peso alla nascita. I benefici psicologici derivanti dall'attività fisica durante la gravidanza includono una riduzione stanchezza, stress, ansia e depressione, nonché miglioramento del benessere.

Dal punto di vista della salute, le donne che sono attive durante la gravidanza hanno maggiori probabilità di continuare attività fisica nel postparto

Risposte fisiologiche all'esercizio, come cambiamenti nella frequenza cardiaca, nella gittata cardiaca, nella ventilazione e il dispendio energetico, sono tutti maggiori durante la gravidanza rispetto alla pre gravidanza e possono diventare più pronunciati con il progredire della gravidanza. I cambiamenti ormonali aumentano la lassità articolare che può esporre la donna a un rischio maggiore di infortuni. Adattamenti all'attività fisica sono necessari per ridurre il rischio di lesioni sia per la madre che per il bambino.

Le linee guida sull’attività fisica durante la gravidanza forniscono raccomandazioni per la salute e per i professionisti che prescrivono attività fisica, individuando le modalità.

Le linee guida di diverse organizzazioni aiutano a rispondere a domande sull’attività fisica,

ad esempio per quanto tempo, quanto lontano, quanto spesso e con quale intensità.

Le linee guida dell’organizzazione mondiale della sanità sull’attività fisica raccomandano che gli adulti abbiano un’età compresa tra 18 e 64 anni dovrebbero impegnarsi in almeno 150 minuti di attività aerobica di intensità moderata durante tutto la settimana (in sessioni di almeno 10 minuti), o almeno 75 minuti di attività aerobica ad intensità vigorosa o una combinazione equivalente delle due. Dovrebbe essere effettuato il potenziamento muscolare

due o più giorni alla settimana. La linea guida affermano che le donne incinte potrebbero aver bisogno di precauzioni extra e dovrebbero consultare un medico specialista prima di tentare di attuare un programma di allenamento.

Linee guida più dettagliate per l'attività fisica durante la gravidanza sono disponibili da diversi

paesi, con alcune linee guida basate sull’evidenza e altre basate sul consenso degli esperti.

Queste linee guida sono state prodotte da una serie di organismi professionali e agenzie governative,  sono state scritte per pubblici target diversi e in momenti diversi. Lo scopo di questa ricerca è stato quello di riassumere le diverse linee guida sanitarie e cliniche sull’attività fisica durante la gravidanza da tutto il mondo. Una sintesi delle linee guida nei vari paesi può stimolare gli organismi nazionali a sviluppare linee guida laddove non esistono, condividere le migliori pratiche e aggiornare le linee guida esistenti. Potrebbe anche facilitare lo sviluppo di un sistema globale di raccomandazioni per l'attività fisica durante la gravidanza.

 

Metodi

Per questa revisione, abbiamo cercato in PubMed (MedLINE) le linee guida pubblicate sull'attività fisica  attività durante la gravidanza. La ricerca è stata ristretta agli studi peer-reviewed pubblicati tra il 1990 e il 2012. Abbiamo effettuato riferimenti incrociati con articoli che si riferivano a specifici paesi linee guida e quindi identificato un esperto in quel paese con cui lavorare sul progetto. Così, ogni paese incluso in questa revisione era rappresentato da almeno uno scienziato. Per restringere l’ambito della revisione, abbiamo incluso solo le linee guida cliniche o specifiche per paese più recenti.

Le linee guida orientate ai non addetti ai lavori e quelle di altre società (come quella dietetica) sono state escluse. Un singolo autore ha ridotto tutti i moduli di estrazione in tabelle di cui è coautore successivamente controllato.

 

RISULTATI

Background

Abbiamo identificato 11 linee guida che rappresentano 9 paesi, inclusa l'Australia,

Canada, Danimarca, Francia, Giappone, Norvegia, Spagna, Regno

Regno e Stati Uniti (USA) (Tabella 1). Le linee guida rappresentavano o erano

approvati da enti di ostetricia e ginecologia (Australia, Canada, Danimarca, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti), sanità pubblica (Canada, Danimarca, Francia, Norvegia, Stati Uniti), medicina dello sport (Australia, Giappone) e fisiologia dell'esercizio (Canada). Poiché le due linee guida danesi erano sostanzialmente identiche nelle loro raccomandazioni, sono state codificate nelle restanti tabelle come una linea guida. Le due linee guida statunitensi differivano e quindi codificate separatamente: American College (ora Congresso) degli ostetrici e dei ginecologi (ACOG)  e Dipartimento della salute e dei servizi umani (USDHHS).

La maggior parte delle linee guida includevano una revisione completa della letteratura, ma non una valutazione della qualità.

Tuttavia, il Canada disponeva di una valutazione completa delle prove scientifiche che contribuivano a tale risultato di linee guida, che includevano una valutazione della qualità delle evidenze (considerando lo studio progettazione in questo processo) per supportare ogni raccomandazione. La Società Danese di Ostetricia e le linee guida dei ginecologi hanno anche valutato le evidenze scientifiche per ciascuna raccomandazione emessa.

 


Tabella numero 1


Controindicazioni all'esercizio fisico durante la gravidanza

Le controindicazioni assolute si riferiscono a condizioni in cui l'esercizio fisico non è raccomandato.

Le linee guida di Canada, Giappone, Spagna e ACOG statunitense hanno descritto le controindicazioni di esercizio in termini assoluti e relativi; tuttavia, linee guida della Norvegia e degli Stati Uniti  non hanno fatto queste distinzioni (Tabella 2). Le linee guida dall’Australia,

Danimarca, Francia e USDHHS non hanno affrontato le controindicazioni, perché  erano

destinate a donne sane con gravidanze normali. Generalmente, dove due o più

i paesi hanno identificato controindicazioni, hanno concordato se si trattasse di un valore assoluto o relativo di controindicazione.

I sei paesi (Canada, Giappone, Norvegia, Spagna, Regno Unito, USA ACOG) hanno individuato diverse controindicazioni all'esercizio fisico tra cui anemia, sanguinamento persistente, problemi cardiovascolari, cerchiaggio o dilatazione della cervice, gestazioni multiple, preeclampsia o ipertensione indotta dalla gravidanza, contrazioni o travaglio prematuri, rottura prematura delle membrane, e malattie della tiroide. Quattro o cinque delle sei linee guida identificavano controindicazioni per diabete mellito, disturbi alimentari, obesità patologica e placenta previa.


Tabella numpero 2 - parte 1

Tabella numpero 2 - parte 2

 

Attività da evitare durante la gravidanza

Per le donne che hanno ricevuto l'autorizzazione del medico per fare esercizio durante la gravidanza, le linee guida descrivevano le caratteristiche specifiche delle attività da evitare e gli sport specifici da evitare (Tabella 3).

Cadute o traumi: tutte le linee guida generalmente escludono gli sport che comportano rischi di cadute, traumi o collisioni. La sicurezza di uno sport è stata determinata in base ai movimenti richiesti per la sua pratica. Una preoccupazione era legata alla lassità legamentosa a causa dell'aumento livelli ormonali, rendendo le articolazioni più soggette a lesioni (Australia, Canada). La linea guida norvegese era l'unica a mettere in guardia contro carichi elevati durante gli esercizi di rafforzamento dovuti al rischio di riflesso pressorio.

Posizione: tutte le linee guida tranne due (Francia, Spagna) mettevano in guardia contro le attività in posizione supina a causa della possibilità di diminuzione della gittata cardiaca e ipotensione ortostatica causata dall’utero ingrossato, che può ostruire il ritorno venoso o il flusso sanguigno dall'aorta addominale. Di conseguenza, queste linee guida raccomandano di evitare la posizione supina durante l’attività fisica dopo il primo trimestre o la 16a settimana di gestazione. Le linee guida del Canada suggeriscono di modificare la posizione dell'esercizio per essere invece su un fianco, seduto o in piedi. Le linee guida danesi raccomandano una posizione seduta durante l’allenamento della forza.

Altitudine e profondità: quattro linee guida includevano raccomandazioni sull'attività fisica

o fare esercizio in quota. Le linee guida canadesi accettano un esercizio moderato ad altitudini fino a 1800–2500 metri. Le linee guida ACOG statunitensi affermavano che l'esercizio fisico fino a 1800 metri sembravano sicuri, ma l'esercizio fisico ad altitudini più elevate comportava rischi. Anche ha affermato che le donne dovrebbero essere informate dei segni del mal di montagna e avvisate che in tal caso di interrompere l'attività fisica e scendere dall'altitudine per consultare un medico. Norvegia e le linee guida del Regno Unito suggerivano che le donne dovessero andare  ad altitudini superiori a 2500 metri, attendere da 4 a 5 giorni di esposizione a quell'altitudine per evitare lo sforzo e per regolare il  flusso sanguigno uterino. Sette linee guida mettono specificamente in guardia contro le immersioni subacquee durante gravidanza, perché il feto non è protetto dalla malattia da decompressione.

Calore e freddo: le linee guida australiane e norvegesi mettono in guardia contro il calore corporeo eccessivo durante l'attività fisica per le donne incinte. Diverse altre linee guida (Canada, Giappone, Spagna, Regno Unito) mettono in guardia sul fare esercizio in climi caldi o umidi.


Tabella numero 3


Comportamento sedentario e posizione immobile: le linee guida del Regno Unito

hanno espressamente menzionato di evitare la sedentarietà, affermando che “le donne e gli operatori sanitari dovrebbero considerare gli effetti di uno stile di vita sedentario durante la gravidanza”  perché può contribuire a una serie di esiti avversi.

Le linee guida ACOG erano le uniche a sconsigliare la posizione immobile a causa della sua

associazione con diminuzione della gittata cardiaca.

Evitare l'attività vigorosa: per quanto riguarda l'attività vigorosa, il Canada e le linee guida norvegesi mettevano in guardia contro la competizione atletica, mentre quelle australiane

le linee guida consigliavano un attento monitoraggio da parte di un medico. Sia per il Giappone che per la Norvegia, la valutazione raccomandata delle categorie di sforzo percepito non includeva l'intensità vigorosa.

Le linee guida USDHHS affermavano che se donne non erano già molto attive o impegnate

In attività agonistiche, ci si  dovrebbe concentrare su attività di intensità moderata. Le linee guida della Danimarca hanno messo in guardia contro l'attività vigorosa per le donne non atlete prima della gravidanza. Queste linee guida consigliano inoltre alle donne in gravidanza abituate ad attività fisica ad alta intensità durante la gravidanza di continuare ad allenarsi finché si sentono bene. Le linee guida spagnole raccomandano non più di 15 minuti di attività vigorosa e di diminuire intensità dal 20% al 30% per le atlete in gravidanza.


Comments


bottom of page