• ISEC Team

Parigi-Roubaix: analisi dell’espressione della potenza di Mathew Hayman e Dylan Van Baarle


Traduzione dall'articolo di Stephen Gallager

In questo lavoro verranno analizzati i file di due dei migliori ciclisti del 2017 che hanno partecipato all’ultima edizione della Parigi-Roubaix, due corridori differenti sia d’età che di fisico.

Per primo abbiamo il vincitore del 2016 e il veterano pro Mathew Hayman (Aus) del Team ORICA-SCOTT, che ha concluso quest'anno con un apprezzabilissimo 11 ° posto a solo 12 secondi dopo il vincitore Greg Van Avermaet (Bel) del BMC Racing Team. Abbiamo anche confrontato le sue statistiche del 2017 da quella della sua vittoria del 2016, e come vedrete qui di seguito abbiamo trovato alcune conclusioni interessanti su quanto duramente ha affrontato la gara di quest’anno.

Fig 1-2 Dati di Mathew Hayman

Il secondo atleta, è uno dei volti della nuova generazione di corridori delle classiche, Dylan Van Baarle (Ned) di Cannondale-Drapac. Van Baarle ha finito nello stesso gruppo di Hayman, anche lui a 12 secondi al 20 ° posto. Questo prestazione è venuta dopo il suo quarto posto al Tour delle Fiandre, consolidando ancora il suo pedigree nelle competizioni classiche nordiche.

Fig. 3-4 Dati di Dylan Van Baarle

Le caratteristiche della Parigi-Roubaix

Ci sono diverse cose da notare circa le condizioni che una corsa come Paris-Roubaix richiede, durante i 55 km il cambio di pavimentazione e delle altre condizioni stradali lungo il percorso possono influenzare la potenza e la forza utilizzata durante la pedalata dai corridori. Un aspetto fisiologico fondamentale da tenere sotto controllo è il modo in cui viene prodotta la potenza e la forza applicata alla pedalata a piena velocità. Quando si confronta sforzo da due a tre minuti ad un'alta intensità su una superficie normale rispetto a quello sui ciottoli della Roubaix, vediamo enormi differenze in come viene applicata la forza. Richiede che i corridori coinvolgano molti altri gruppi muscolari e adattino la loro posizione sulla bici rispetto alle superfici normali. L'obbligo di farlo ripetutamente (durante le 29 sezioni di ciottoli) abbassa rapidamente i livelli energetici in quanto la capacità dell’atleta di recuperare è ridotta. Nel corso della corsa, il coinvolgimento e l'impatto costante dei ciottoli compromettono la capacità del corridore di mantenere un’applicazione di forza adeguata. Nel corso degli anni abbiamo visto che i corridori che hanno la capacità di destreggiarsi a questo cambio di richieste muscolari nel corso della gara sono coloro che stanno combattendo per la vittoria.

Un inizio veloce

A differenza di altri tipi di classiche, la Paris-Roubaix è "accesa" fin dall'inizio, sia per i gregari che per i leader della squadra. A differenza di molti altre classiche, vediamo che il requisito essenziale è essere in primo linea e di gestire le difficoltà già all'inizio della gara. Ciò porta a una massiccia spesa energetica nella prima parte della gara, il che significa che solo il vero atleta di resistenza e uno che possiede un’elevata potenza aerobica, ma anche muscolare che deve essere gestita per circa sei ore. Questo si è visto facilmente nei dati di Hayman e Van Baarle:

Tab1. Sintesi dei dati di gara relativi alla potenza

Quello che normalmente si osserva nelle prime due ore di corsa in alcune delle classiche più rinomate è che i leader del team hanno circa 2,5 a 3W/kg durante questa frazione. È semplice vedere lo sforzo necessario per rimanere vicino alla testa della corsa. Quest’anno c’è stato un inizio particolarmente veloce per Parigi Roubaix, con una velocità media di 50 km/h che nella prima ora di corsa. L'edizione 2017 è la più veloce mai registrata, con una velocità media di 45.204 km/h per i 257 km e cinque ore e 41 minuti del vincitore. I dati seppur alti, sono in linea con le precedenti edizioni, indipendentemente dal vento favorevole.

Se vogliamo confrontare l’impegno complessivo della prima metà della gara con la seconda metà della gara, possiamo vedere ancora una volta come l’intensità sia rimasta elevata fino alla fine.

Non solo potenza costante durante la prima metà della gara del 2017,ma Hayman ha anche prodotto il suo picco di cinque minuti di potenza sulla salita di Noyon lunga 20 km in gara. Su questa salita Mathew prodotto 411W, 4.95 W/kg su i 2,6 km di ascesa (pendenza di soli 2,5%). Gli attacchi sono stati frequenti e veloci in questa fase per i corridori al fine di ottenere la testa della cprsa. Questa mossa iniziale non è stata fermata fino a poco prima delle prime sezioni a ciottoli a 96 km dall’inizio della gara, con tre corridori che si trovavano davanti al 67esimo km.

Fig. 5 La Parigi-Roubaix

La lotta alla Trouée d'Arenberg

Con uno dei tratti più iconici di strada, l'Arenberg è conosciuto per i suoi terreni sconnessi e per la sua superficie difficile, che ha infranto i sogni di molti ciclisti alla Parigi-Roubaix. Il vantaggio accumulato prima di Arenberg è sia mentale che fisiologico in quanto entrambi gli atleti presi in considerazione e le squadre lottano per un posto in testa alla corsa. Purtroppo per Hayman ha avuto una foratura a circa 23 km prima della foresta di Arenberg, che lo ha portato a intraprendere un feroce inseguimento per ritrovare il contatto con il gruppo principale. Hayman è riuscito a ritrovare il contatto con il gruppo principale con circa 8 km, anche se questo ha significato un dispendio energetico in surplus per tornare nel gruppo. Proprio in questa frazione Hayman ha raggiunto il suo picco di potenza per circa 20 minuti.

Ciò che è ancora più impressionante in questa frazione è che l’erogazione della potenza non è stata costante non potendo contare sul gruppo. Durante questo periodo Hayman ha fatto 10 picchi oltre 850W, arrivando ad un massimo di 1272W. Così ha fatto 10 ripetute durante un tempo di 19 minuti da 10.3W/kg a 15.33W/kg solo per riconquistare il contatto con il gruppo, e non aveva ancora iniziato l'Arenberg. Naturalmente queste intensità hanno giocato a sfavore del suo successo finale.

Dai grafici di Van Baarle possiamo vedere un vero e proprio tratto affrontato con elevate potenze per potersi avvicinare alla testa della corsa.